Skip to main content

LE MIE ASTROFOTO

I MIEI VIDEO

Nuovo Orione e Le Stelle – Astronomianews

M 33 – Galassia nel Triangolo

Messier 33 (NGC 598) è comunemente conosciuta come la Galassia del Triangolo. A malapena visibile ad occhio nudo sotto cieli molto bui, questa galassia a spirale è la terza galassia per estensione del Gruppo Locale dopo la galassia di Andromeda e la nostra Via Lattea e si trova a circa 2,8 milioni di anni luce dalla Terra. M 33 è stata menzionata in un episodio di Star Trek The Next Generation “Dove nessuno è mai giunto prima” come la galassia verso cui la USS Enterprise si dirige quando un apparente malfunzionamento fa aumentare la velocità del motore a curvatura. Il diametro reale di M 33 è stimato in circa 60000 anni luce, e la sua massa contiene circa 40 miliardi di stelle.

DATI TECNICI

Data: 28 settembre 2019
Luogo: Saint Barthelemy (AO), durante lo star party del 27 – 28 – 29 settembre 2019

Telescopio: Skywatcher Newton 200 f/4
Montatura: Skywatcher NEQ6 Pro modificata Geoptik
Camera di ripresa: Canon EOS 1100D modificata full spectrum + correttore di coma Skywatcher + filtro optolong L-Pro clip
Autoguida: Tecnosky Sharp Guide 50 V2 + QHY5-L II mono + PHD2 Guiding 2.6.4

Esposizioni: 60 x 300 s 800 ISO, 25 dark, 50 flat, 25 bias

Elaborazione: Pixinsight, GIMP

M 101, NGC 5422, NGC 5473, NGC 5474, NGC 5477 – Galassie nell’Orsa Maggiore

M 101 è una galassia a spirale proiettata all’interno dell’Orsa Maggiore ad una distanza di circa 19 milioni di anni luce, ed è nota anche come Galassia Girandola a causa del suo aspetto. Assieme alle sue galassie satelliti (alcune sono ritratte nella foto) e ad una manciata di altre galassie fa parte del Gruppo di M 101, a sua volta appartenente al Superammasso della Vergine.

M 101, a causa della sua debole luminosità superficiale, è osservabile in un Newton da 20 cm di apertura a patto però di disporre di un cielo molto buio e limpido.

Data: 31 marzo 2019
Luogo: Sciolze (TO)

Telescopio: Skywatcher rifrattore semi-apocromatico ED 80/600
Montatura: Skywatcher NEQ6 Pro modificata Geoptik
Camera di ripresa: Canon EOS 1100D modificata full spectrum + filtro Optolong clip L-Pro
Autoguida: Tecnosky Sharp Guide 50 V2 + QHY5-L II mono + PHD2 Guiding 2.6.4

Esposizioni: 50 x 300 s 800 ISO; 10 dark, 53 flat, 52 bias

Elaborazione: Pixinsight, GIMP

[Si confronti questa ripresa con quella (disastrosa!) del 6 – 17 aprile 2018]

Catena di Markarian – Galassie tra Chioma di Berenice e Vergine

La Catena di Markarian è una serie di galassie appartenenti all’ammasso della Chioma – Vergine a cavallo delle costellazioni della Vergine e della Chioma di Berenice ed è chiamata così perchè la disposizione delle galassie che la compongono ricorda un pò una collana, una catena; vennero scoperte dall’astronomo armeno Beniamin Markarian nell’ambito di uno studio sull’eccesso di emissione di radiazione ultravioletta di alcune galassie. La loro distanza dalla Terra si aggira sui 60 milioni di anni luce, e si ritiene che alcune di loro siano legate gravitazionalmente. Alcune galassie sono già osservabili in un telescopio da 20 cm di apertura, come M 84 e M 86, ma altre si rivelano un autentico osso duro in telescopi da 40 cm di diametro.

Di queste galassie ho prodotto tre versioni:

VERSIONE 1

DATI TECNICI VERSIONE 1

Data: 13 marzo 2019
Luogo: Sciolze (TO)

Telescopio: Skywatcher rifrattore semi-apocromatico ED 80/600
Montatura: Skywatcher NEQ6 Pro modificata Geoptik
Camera di ripresa: Canon EOS 1100D modificata full spectrum + filtro Optolong clip L-Pro
Autoguida: Tecnosky Sharp Guide 50 V2 + QHY5-L II mono + PHD2 Guiding 2.6.4

Esposizioni: 49 x 300 s 800 ISO; 25 dark, 41 flat, 52 bias

Elaborazione: Pixinsight, GIMP

VERSIONE 2

Per esercizio con Pixinsight, e non essendo soddisfatta della versione 1 perchè troppo rumorosa, ho rifatto la Catena il 30 marzo:

DATI TECNICI VERSIONE 2

Data: 30 marzo 2019
Luogo: Sciolze (TO)

Telescopio: Skywatcher rifrattore semi-apocromatico ED 80/600
Montatura: Skywatcher NEQ6 Pro modificata Geoptik
Camera di ripresa: Canon EOS 1100D modificata full spectrum + filtro Optolong clip L-Pro
Autoguida: Tecnosky Sharp Guide 50 V2 + QHY5-L II mono + PHD2 Guiding 2.6.4

Esposizioni: 50 x 300 s 800 ISO; 25 dark, 41 flat, 51 bias

Elaborazione: Pixinsight, GIMP

VERSIONE 3 , DEFINITIVA

Non essendo troppo soddisfatta neanche della versione 2 per via della colorazione un pò tendente al viola, e anche per esercitarmi con Pixinsight, ho prodotto una terza versione integrando insieme le pose delle versioni 1 e 2: