Skip to main content

LE MIE ASTROFOTO

I MIEI VIDEO

Nuovo Orione e Le Stelle – Astronomianews

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 4 altri iscritti

NGC 7380 – Nebulosa e ammasso stellare aperto in Cefeo

Scoperto nel 1787 da Caroline Herschel attraverso un riflettore da 4,2″, NGC 7380 è un ammasso aperto luminoso, irregolare, poco concentrato di 45 stelle deboli sparse attorno ad un asterismo  a forma di “V” composto dai membri del gruppo di magnitudine 8,5 – 9. La stella più luminosa è situata presso il bordo SO della V, e la stella doppia O Struve 480 (mag. 8 e 9, separazione 30,9″) si trova sul suo bordo occidentale. L’ammasso è circondato da un campo della Via Lattea ricco di stelle luminose. L’ammasso è circondato da una nebulosa ad emissione appartenente alla regione HII Sh2-142, e contenente una massa circa 4000 volte quella del Sole.

DATI TECNICI

Data: 25 maggio 2020

Telescopio: Skywatcher Newton 200 f/4
Montatura: Skywatcher NEQ& Pro modificata Geoptik
Camera: Canon EOS 1100D full spectrum + correttore di coma Skywatcher + filtro Optolong L-Pro

Esposizioni: 50 x 300 s 1600 ISO, 10 dark, 38 flat, 25 bias

Elaborazione: Pixinsight, GIMP, Photoshop

Catena di Markarian – Galassie tra la Chioma di Berenice e la Vergine

La Catena di Markarian è una serie di galassie appartenenti all’ammasso della Chioma – Vergine a cavallo delle costellazioni della Vergine e della Chioma di Berenice ed è chiamata così perchè la disposizione delle galassie che la compongono ricorda un pò una collana, una catena; vennero scoperte dall’astronomo armeno Beniamin Markarian nell’ambito di uno studio sull’eccesso di emissione di radiazione ultravioletta di alcune galassie. La loro distanza dalla Terra si aggira sui 60 milioni di anni luce, e si ritiene che alcune di loro siano legate gravitazionalmente. Alcune galassie sono già osservabili in un telescopio da 20 cm di apertura, come M 84 e M 86, ma altre si rivelano un autentico osso duro in telescopi da 40 cm di diametro.

DATI TECNICI

Data: 24 aprile 2020
Luogo: Sciolze (TO)

Telescopio: Skywatcher rifrattore semi-apo ED 80/600
Montatura: NEQ6 Pro modificata Geoptik
Camera: Canon EOS 1100D full spectrum + spianatore Tecnosky 1x + filtro Optolong L-Pro clip
Autoguida: Tecnosky Sharp Guide 50 V2 + QHY5-L II mono + PHD2 Guiding 2.6.4

Esposizioni: 30×300 s 1600 ISO, 25 bias, 15 dark, 24 flat

Elaborazione: Pixinsight, GIMP