Skip to main content

LE MIE ASTROFOTO

I MIEI VIDEO

Nuovo Orione e Le Stelle – Astronomianews

Le cronache di Perinaldo – Festa dell’Astronomia 23-24 luglio 2011

Sabato 23 luglio, dopo un viaggio lungo e avventuroso in treno, letteralmente preso d’assalto da frotte di torinesi e non solo in cerca di un pò di fresco, sono finalmente giunta a Bordighera dove ho incontrato i cari amici Andrea, Massimo e Stefano dell’ Associazione Cernuschese Astrofili e poi insieme siamo saliti a Perinaldo, dove si svolge dal 2004 la Festa dell’Astronomia, un weekend dedicato all’Astronomia, con conferenze ed osservazioni astronomiche.

Perchè proprio Perinaldo? Perinaldo è un grazioso paesino in cima ad un crinale nell’entroterra ligure tra Ventimiglia e Bordighera a 572 m s.l.m., da cui si può godere una splendida vista sul Mar Ligure verso sud e sulle colline circostanti verso nord. Tra gli appassionati di astronomia, Perinaldo è noto come la località che diede i natali al grande astronomo Giovanni Domenico Cassini, famoso per aver scoperto l’omonima divisione nel sistema di anelli di Saturno e per aver progettato e realizzato la meridiana nella Basilica di San Petronio a Bologna e a cui è dedicato l’Osservatorio Comunale. Come se non bastasse, si tratta di una località caratterizzata da un cielo limpido e cristallino (meteo permettendo!), un’autentica gioia per gli occhi di noi astrofili, che così possiamo rifarci abbondantemente dei cieli inquinati che purtroppo sovrastano le grandi città e ci privano, forse per sempre, della possibilità di ammirare il più grande spettacolo della natura: il cielo stellato.

Come sempre a partire dal 2008, gli organizzatori ci hanno riservato una calorosa accoglienza; dopo aver preso possesso del nostro appartamento e una doccia, assai gradita dopo le fatiche del viaggio e il caldo, abbiamo avuto modo di ascoltare le interessantissime conferenze in sala del Consiglio Comunale a partire dalle 16.30. Dopo l’introduzione da parte dell’ing. Alberto Passerone del CNR di Genova, ha parlato la dott.sa Gabriella Bernardi, che ci ha raccontato di come molti grandi astronomi del passato non avrebbero fatto granchè senzail prezioso aiuto di sorelle, mogli, amiche, fidanzate. E’ il caso ad esempio di Carolina Herschel, sorella di William Herschel, che scoprì ben otto comete, una decina di ammassi e tre galassie. Oppure di Maria Winckelmann, che assieme al marito Gottfried Kirch fondò l’Osservatorio di Berlino. O ancora , di Maria Clara Eimmart di Norimberga, che divenne una minuziosa disegnatrice di tavole astronomiche che raffiguravano dettagli solari e lunari.

La dott.sa Anna Cassini, studiosa e lontana discendente del Cassini, ci ha proposto un viaggio nella vita del grande astronomo attraverso i personaggi femminili che egli incontrò nel corso della sua vita, a partire dalla madre Tullia Crovese, molto decisa e determinata, parlando poi della regina Cristina di Svezia, donna molto colta e piena di interessi, che esercitò un certo fascino su Cassini. E infine la dolce Geneviève de Laistre, sua moglie, che lo aiutò parecchio nelle sue ricerche.

La dott.sa Bianca Falcidieno, esperta di applicazioni relative alla reltà virtuale, ha parlato delle enormi possiblità offerte dalle simulazioni e dalla computer graphics per il cinema, la medicina, la progettazione meccanica, l’ingegneria…basti pensare a Gollum del “Signore degli Anelli”: l’estremo realismo dei suoi movimenti è stato possibile grazie alla motion capture, una tecnica che permette di “catturare” i movimenti reali dell’attore originale e poi di sovrapporli al modello virtuale di Gollum.

E infine la simpatica Amalia Ercoli Finzi, professore di Meccanica Orbitale al Politecnico di Milano, ha concluso il pomeriggio di conferenze trattando delle passate missioni lunari.

Dopo una cena veloce, abbiamo aiutato Marina e gli altri amici dell’Osservatorio di Perinaldo con le osservazioni serali: all’inizio abbiamo temuto che tutto andasse a rotoli, perchè nuvole minacciose si stavano addensando in cielo…caspita, ora non si riuscirà a vedere nulla, accidenti…ad un certo punto temevamo venisse anche a piovere e noi continuavamo a scrutare il cielo sempre più preoccupati. Ad un certo punto, verso le 23, finalmente il cielo si è aperto ed è venuta fuori uno dei memorabili cieli stellati di Perinaldo. Allora abbiamo montato in fretta e furia gli strumenti nel piazzale di fronte al Comune e mostrato diversi oggetti al pubblico curioso che si avvicinava alle nostre postazioni osservative, tra cui:

  • Albireo, stella doppia nella costellazione del Cigno, distante 390 a.l., le cui componenti sono una gialla e l’altra azzurra, mostrata attraverso un rifrattore di 102 mm di diametro.
  • Collinder 399, altrimenti noto come ammasso di Brocchi (in realtà si tratta di un asterismo) o Attaccapanni, per la sua forma caratteristica, che ricorda proprio quella di una gruccia; dista da noi circa 424 a.l. e si trova nella Volpetta; mostrato attraverso un binocolo 20×80, ottimo per vedere oggetti estesi;
  • M11, ammasso aperto distante 6200 a.l. dalla Terra, noto anche come “Ammasso dell’anatra selvatica” perchè ricordava appunto un’oca ai primi osservatori telescopici o uno stormo di oche; si trova nello Scudo.
  • M57, nebulosa planetaria nella Lira, distante da noi 2300 a.l., mostrata attraverso il telescopio Newton da 380 mm di apertura e lunghezza focale di 1700 mm dell’Osservatorio.
  • M17, nebulosa ad emissione nel Sagittario; la sua distanza dalla Terra è stimata tra 4000 e 6000 a.l., mostrata attraverso un Meade Ritchey-Chretien LX200 ACF con apertura di 356mm e lunghezza focale di 3556mm.                  

Oltre al nostro gruppo, c’erano diversi altri astrofili, tra cui Daniele che ha sfoggiato uno splendido Ritchey-Chretien di 25 cm di apertura con cui abbiamo potuto godere della visione di M22, nel Sagittario: un’autentica meraviglia, sembrava quasi in 3D e che uscisse fuori dal campo visivo; e in più le stelle erano puntiformi fino ai bordi.

Anche Ilario ci ha dato una mano con le osservazioni, indicando con il puntatore laser le costellazioni ad occhio nudo: ha avuto un successone, soprattutto coi bambini, perchè nel laser vedevano la spada laser di Luke Skywalker di Guerre Stellari…

Pensate che quando siamo andati a dormire, verso le 2.30 del 24 luglio, il cielo si stava coprendo di nuovo: siamo stati veramente fortunati…

Dopo una bella dormita, ci siamo alzati il 24 luglio carichi di ottimismo e buoni propositi: che bello, oggi mostreremo il Sole! Il nostro ottimismo però è venuto meno non appena ci siamo affacciati alla finestra: il cielo era totalmente coperto e ci è giunta voce che a Sanremo addirittura c’era un bel temporale! Abbiamo iniziato a preoccuparci, e consultandoci con Marina e gli altri abbiamo deciso di montare comunque gli strumenti, ma…al chiuso, in modo da permettere al pubblico di curiosare.

L’unico breve istante che era sereno ci siamo precipitati a montare i telescopi nel cortile: ognuno di noi ha scelto di mostrare il Sole sotto un aspetto diverso a seconda del proprio telescopio, in modo che il pubblico potesse farsi un’idea abbastanza completa di cosa è e come funziona la nostra stella, il Sole: ad esempio Andrea ha mostrato la granulazione, Massimo le macchie solari, io le protuberanze e Stefano ha fatto delle riprese del Sole con telescopio e webcam. In realtà è più corretto dire che abbiamo tentato di mostrare il Sole o le riprese con la webcam, perchè non appena chiamavamo le persone per l’osservazione, subito la terribile nuvola di Fantozzi provvedeva a toglierci la visuale del Sole e noi non vedevamo più un bel niente: fatto sta che poi il cielo si è coperto del tutto ed è venuto addirittura a piovigginare!

Smontati tristemente gli strumenti e caricatili in macchina, ci siamo diretti verso la chiesa della Visitazione, che ospita una meridiana a camera oscura, dove però non abbiamo potuto assistere al transito del Sole sulla meridiana al mezzogiorno solare locale a causa del maltempo.

La nostra spedizione perinaldese si è conclusa con i doverosi ringraziamenti a Marina, Marco e Nicolò e a tutti gli amici dell’Osservatorio Cassini per l’ospitalità e la fantastica accoglienza riservataci…sperando per il prossimo anno in un meteo più clemente!

Le foto della Festa dell’Astronomia

Una carrellata di idee astronomiche sbagliate

Un giorno, in occasione di una visita guidata al Planetario, mi è capitata una signora che mi ha posto la seguente domanda:” Ma le costellazioni stanno dentro il sistema solare???”Evidentemente questa signora aveva le idee un tantino confuse sia su cosa sono le costellazioni sia sulle distanze tipiche del sistema solare e delle stelle…dopo averle spiegato con calma come stanno le cose, e a seguito di una segnalazione in sede di scuola estiva di Astronomia di S.Barthelemy 2013, sono andata alla ricerca di analoghe idee astronomiche sballate, e navigando in rete ne ho trovato un bel campionario: le prime 25 sono raccolte sul sito http://ingredientesegreto.linxedizioni.it/2013/07/08/misconcezioni-astronomiche/, che a sua volta attinge da un lavoro di M. C. LoPresto, S.R. Murrell, (An Astronomical Misconceptions Survey, Journal od College Science Teaching, vol. 40, No. 5, 2011) relativo alla loro ventennale esperienza di insegnamento dell’astronomia. Tutte le altre sono raccolte in lingua originale su http://newyorkscienceteacher.com/sci/pages/miscon/astr.php (ho provveduto a tradurle dall’inglese). Purtroppo le idee sballate sono parecchie, e sicuramente, in base alla vostra esperienza, potrete (ahimè) allungare la lista…povera Astronomia, bistrattata e stravolta in questo modo…

1) L’Astronomia e l’astrologia sono fondamentalmente la stessa cosa.

2) Il Sole sorge sempre esattamente ad est.

3) Tutte le stelle sono dello stesso colore bianco.

4) La Luna piena si alza sempre a mezzanotte.

5) Saturno è l’unico pianeta con gli anelli.

6) L’alternarsi delle stagioni è causato dalla diversa distanza tra la Terra e il Sole.

7) Gli astronauti in orbita intorno alla Terra sembrano senza peso perché non c’è gravità nello spazio.

8) Le stelle cadenti sono stelle che si muovono rapidamente mentre “cadono fuori” dal cielo. (Ma dove vanno????)

9) La fascia di asteroidi è molto affollata, così affollata che le astronavi faticano ad attraversarla.

10) I buchi neri sono buchi giganteschi che si muovono nello spazio e risucchiano tutto ciò che incontrano.

11) Le stelle durano per sempre.

12) Durante un’eclisse solare, il Sole emette raggi che sono più pericolosi del solito per gli occhi.

13) Le onde luminose viaggiano alla velocità della luce, molto più velocemente delle onde radio che viaggiano alla velocità del suono.

14) La stella Polare è la stella più luminosa del cielo.

15) Una teoria scientifica è un’idea che ancora non è stata dimostrata.

16) Galileo ha inventato il telescopio.

17) Gli anelli di Saturno sono oggetti solidi.

18) Poiché il Sole è parte del nostro sistema solare, non è considerato una stella.

19) Tutte le orbite dei pianeti sono perfettamente circolari.

20) Essendo il più vicino al Sole, Mercurio ha la temperatura media più alta di tutti i pianeti.

21) Poiché si trova nello spazio, la Luna è senza gravità.

22) Le fasi lunari sono causate dall’ombra della Terra sulla Luna.

23) La Luna non ruota.

24) Lo scopo principale del lavoro di un radioastronomo è cercare segnali provenienti da civiltà extraterrestri.

25) I telescopi sono posti spesso sulla cima delle montagne perché così sono più vicini allo spazio.

26) Il Sole non è una stella.

27) Il Sole scompare di notte.

28) Il Sole non si estinguerà mai.

29) La superficie del Sole è priva di caratteristiche visibili.

30) Il Sole sorge esattamente a est e tramonta esattamente ad ovest ogni giorno.

31) Il Sole si trova sempre a sud a mezzogiorno.

32) L’estremità di un’ombra si muove sempre lungo una linea est-ovest.

33) La quantità di luce diurna aumenta ogni giorno d’estate.

34) Sperimentiamo le stagioni a causa del cambiamento della distanza Terra-Sole – più vicina d’estate, più lontana d’inverno.

35) La Terra è l’oggetto più grande del Sistema Solare. E’ persino più grande del Sole!

36) La Terra è al centro del Sistema Solare. I pianeti, il Sole e la Luna girano attorno alla Terra.

37) La Terra poggia su qualcosa.

38) La Terra è rotonda ( e piatta) come una frittella.

39) Viviamo sulla parte piatta di una sfera.(?)

40) La Luna si vede solo di notte.

41) La Luna non ruota attorno al proprio asse mentre orbita attorno alla Terra.

42) Le fasi della Luna sono dovute a ombre proiettate sulla sua superficie da altri oggetti nel sistema solare.

43) Le fasi della Luna sono dovute al moto della Luna in movimento all’interno dell’ombra del Sole.

44) Paesi differenti vedono differenti fasi lunari nello stesso giorno.

45) La forma della Luna appare sempre la stessa.

46) Il Sistema Solare è molto affollato.

47) Il Sistema Solare contiene solo il Sole, i pianeti e la Luna.

48) Le meteore sono stelle cadenti.

49) Comete e meteore sono fuori nello spazio e non raggiungono il terreno.

50) Tutte le stelle in una costellazione sono vicine le une alle altre.

51) Tutte le stelle sono alla stessa distanza dalla Terra.

52) La Galassia è molto affollata.

53) Le stelle sono distribuite uniformemente nella Galassia (= la nostra galassia, la Via Lattea).

54) Tutte le stelle hanno le stesse dimensioni.

55) La luminosità di una stella dipende solo dalla sua distanza dalla Terra.

56) Stelle e costellazioni appaiono nello stesso posto in cielo ogni notte.

57) Le costellazioni formano figure che assomigliano chiaramernte a persone, animali o oggetti.

58) Nello spazio, ci sono un “alto” e un “basso” ben definiti.

59) I pianeti non si possono vedere ad occhio nudo.

60) I pianeti compaiono in cielo nello stesso posto ogni notte.

61) La gravità è selettiva: agisce in modo differente su un certo tipo di materia.

62) La gravità aumenta con l’altezza.

63) La gravità agisce attraverso un mezzo.

64) I razzi nello spazio richiedono una forza costante.

65) Ci è possibile vedere a causa di oggetti luminosi e brillanti.

66) Non viviamo sulla Terra, ma in cielo.

67) La Luna ruota attorno alla Terra in un singolo giorno.

68) La Luna emette luce allo stesso modo del Sole.

69) Il Sole è direttamente sopra la testa a mezzogiorno.

70) La rivoluzione della terra attorno al Sole produce il giorno e la notte.

71) Il giorno e la notte sono causati dal Sole che gira attoreno alla Terra.

72) L’astrologia è in grado di prevedere il futuro.

73) La gravità non può esistere in assenza di aria.

74) Il Sole ruota attorno alla Terra in meno di un anno.

75) L’Universo è statico, non in espansione.

76) L’Universo contiene solo i pianeti del nostro Sistema Solare.

L’area del Triangolo estivo

Durante la preparazione della parte scritta dell’esame di Metodi di Astrometria per Astrofisica, mi sono imbattuta in un esercizio che richiedeva di calcolare l’Area del Triangolo Estivo, un asterismo formato dalle stelle Deneb (Alfa  Cygni), Vega (Alfa Lyrae) e Altair (Alfa Aquilae), facilmente riconoscibile nel cielo estivo, di cui qui sotto allego una mappa (le tre stelle del Triangolo Estivo sono unite dalle linee rosse):

Triangolo_EstivoPoichè da tempo avevo la curiosità di sapere quanto valeva l’area del Triangolo Estivo (le ricerche su Internet e libri vari non hanno portato a nulla), ho risolto l’esercizio  scoprendo così che l’area del Triangolo Estivo è pari a circa 417 gradi quadrati.

Qui ho riportato i calcoli svolti [sconsiglio a chi ha molti incubi notturni di guardare i calcoli…]